Downton Abbey Italia Wiki
Advertisement
Downton Abbey Italia Wiki


Thomas "Tom" Branson è l'ex autista e assistente della proprietà di Downton Abbey. È un socialista irlandese, marito della defunta Sybil Crawley, con la quale ha avuto una figlia, Sybbie.

Biografia[]

Poco si sa della prima infanzia di Tom, tranne il suo anno di nascita, corrispondente al 1884 o al 1885; è cresciuto a Bray, nella contea irlandese di Wicklow, con i suoi genitori e il fratello. Menziona anche di aver trascorso del tempo nell'allevamento di pecore di suo nonno a Galway. Ha una cugina, Nuala, che ha avuto un figlio illegittimo.

1912-1914[]

Tom Branson arriva a Downton Abbey nel maggio 1913 come autista, in sostituzione di Taylor, partito per aprire un negozio di tè. Qui, Tom nota subito la figlia più giovane di Lord Grantham, Lady Sybil: quando scopre che anche ella è interessata alla politica (come lui), il suo interesse nei suoi confronti aumenta.

Poiché non ci sono membri particolarmente coinvolti in ambito politico nella sua famiglia, Sybil si rivolge a Branson, il quale afferma che, se potesse entrare in politica, vorrebbe cambiare non solo i diritti delle donne e favorire la libertà irlandese, ma soprattutto colmare il divario tra l'aristocrazia e il ceto più povero. Ricordandosi che il padre di Sybil fa parte della "classe degli oppressori", precisa immediatamente che Lord Grantham è un brav'uomo e un ottimo datore di lavoro, dunque non si riferisce a lui.

Tom prende parte ad un breve momento di gioia con Sybil e la cameriera Gwen Dawson, che è stata aiutata (con successo) dalla giovane lady a trovare lavoro come segretaria. Pochi minuti dopo, Branson apprende dell'inizio della guerra a causa della comunicazione del conte di Grantham durante una festa in giardino.

1916-1919[]

A causa del proseguimento della Grande Guerra, Sybil vorrebbe fare un corso per diventare infermiera, in quanto desidera rendersi utile in una situazione drammatica. Tom ammira la sua determinazione.

Avendo accompagnato Sybil ad iniziare il tirocinio, Branson decide di parlarle prima di lasciarla andare. Apre il suo cuore alla giovane lady, affermando di sapere che la differenza tra le loro posizioni sociali è incolmabile, ma crede che il mondo stia cambiando a causa della guerra ed egli è pronto a dedicare ogni minuto della sua vita per renderla felice. Sybil è lusingata, ma esitante. Lord Grantham licenzierebbe sicuramente Branson se sapesse di questa conversazione inappropriata, ma ella promette di non riferire nulla alla sua famiglia.

Branson viene chiamato, pochi mesi dopo, dal Ministero della Guerra. Essendo irlandese, tuttavia, Tom non ha intenzione di combattere per l'esercito britannico. Queste sono le parole che dice di fronte a Lady Sybil, la quale gli ricorda che andrà in prigione continuando a parlare in tal modo del conflitto, ma a Branson non importa.

Più tardi, l'autista scopre di essere stato respinto dall'esercito a causa di un soffio al cuore ed è nervoso; Sybil è contenta perché il suo amico non andrà in prigione e non verrà neppure ucciso, ma si chiede perché debba essere sempre arrabbiato: ella sa che la Gran Bretagna non è stata ottima in Irlanda durante la rivolta di Pasqua del 1916: per la prima volta Branson è turbato da una frase di Sybil. Egli risponde che durante la Rivolta di Pasqua uno dei suoi cugini stava camminando su North King Street a Dublino e un ufficiale inglese gli sparò a morte pensando che fosse "probabilmente un ribelle". Lei non lo sapeva, ma lui se ne va sconvolto.

Branson si offre di fare le veci di un cameriere per servire ad una cena a cui un importante generale dell'esercito è ospite. Branson scrive a Sybil un biglietto chiedendole di perdonarlo per quello che ha fatto al generale. Anna trova questa nota tra i vestiti che sta portando via dalla stanza e corre a dirlo alla signora Hughes, credendo che Branson abbia intenzione di assassinare il generale. Insieme, si precipitano dal signor Carson per informarlo del tutto. In sala da pranzo, Branson viene immediatamente fermato da Carson, che gli blocca la mano sul coperchio della pentola che stava per sollevare e portare al tavolo. Tale mossa passa inosservata. Scesi al piano di sotto, il maggiordomo e la governante rimproverano fortemente Branson, pensando che il suo intento fosse omicida. Tom nega: il suo scopo era quello di versare addosso al generale una miscela di olio, inchiostro, letame e latte acido. In cucina, il personale decide di non coinvolgere la polizia, poiché la notizia non gioverebbe a nessuno. Carson lascia andare Branson, assicurandosi che non rifarà più una cosa del genere.

1918. Sybil parla con Branson fuori dal garage; ella non capisce come lui possa accontentarsi di armeggiare con una macchina tutto il giorno. Tom ricorda che è lei la ragione per cui non lascerà Downton e, ignaro della presenza di Mary Crawley, continua a cercare di convincerla a scappare con lui. Fortunatamente sono fuori portata d'orecchio, ma Mary aveva recentemente parlato con la nonna Violet di Sybil, giacché non sembrava aver dimostrato interesse per qualcuno e questo aveva portato Violet e Mary a supporre che la giovane lady avesse un fidanzato "segreto". Vedere i due parlare fa venire dei sospetti anche a Lady Mary.

Sybil trova Branson per dirgli che Mary sa di loro. All'inizio, Tom è preoccupato: è a rischio licenziamento e senza referenze, ma è rallegrato dal fato che Sybil abbia parlato di loro due come "noi". Branson cerca di convincerla: anche ella è innamorata di lui, altrimenti avrebbe già riferito alla famiglia le loro conversazioni. Sybil sfida questa sua supposizione: non avergliene parlato non significa che sia innamorata. Questo incontro si trasforma in una discussione: Sybil aveva pensato alle conseguenze di un'eventuale fuga con lui, e si era chiesta se sarebbe stata accettata dalla sua gente, come avrebbe potuto lasciare la sua famiglia, come sarebbe riuscita a lasciarsi alle spalle tutto ciò che aveva fatto parte della sua vita fino a quel momento. Ma ciò che Tom desidera è sapere se Sybil è innamorata o no di lui, perché tutto il resto è un insieme di dettagli.

Lo Zar e la sua famiglia sono stati uccisi e Branson ne è rattristato: non pensava che sarebbe successo; si rassicura dicendo che forse il futuro ha bisogno di terribili sacrifici. Questo porta a una conversazione sulla politica di Sybil: durante la guerra, il movimento delle suffragette era stato sospeso per rispetto dell'Inghilterra e per i valorosi uomini sui campi di battaglia. Con grande fastidio di Sybil, Branson pensa che lei abbia rinunciato alla sua causa e che, invece, avrebbe dovuto tenere duro. Sybil fa per andarsene, ma lui la ferma per la vita. Ella si ferma e Tom toglie la mano dalla sua vita: dice che il suo futuro dipende da lei. La giovane esita e si avvicina lentamente a Tom come per baciarlo, ma poco dopo si tira indietro bruscamente e va via. Branson rimane in piedi, solo. Il suo sogno stava per realizzarsi.

Sybil, più tardi, chiede a Branson di attenderebbe la fine della guerra per ricevere una risposta, ma Tom aspetterebbe anche tutta la vita. Nel 1919 Sybil è annoiata: la sua vita è tornata ad essere monotona come prima della guerra. Il conflitto l'ha cambiata irrevocabilmente e lei lo sa: non tornerà alla sua esistenza mondana. Non ha ancora una risposta per Branson, il che lo delude: il suo affetto per lui, però, si sta manifestando sempre di più.

Quando Matthew e Lavinia Swire annunciano di essersi fidanzati e che il loro matrimonio si terrà a Downton Abbey, Sybil si rende conto che la guerra è davvero finita e che è tempo di andare avanti. Branson aveva atteso tanto quelle parole e stenta a credere che siano state proferite davvero: ella gli dice che può baciarla.

Sybil dice a tutti che è malata, ma in realtà lei e Branson stanno andando a Gretna Green per sposarsi. Maryy, Edith e Anna li trovano e convincono Sybil a tornare a Downton con loro. Prima di andarsene, Sybil gli dice che gli resterà fedele.

Cercando ancora di convincere Sybil a ragionare, Mary ed Edith sono inorridite nel sentire che Sybil ha invitato Tom ad informare la famiglia dei loro piani quella sera. Branson ora è un giornalista e Sybil spera che suonerà meglio di "autista". Robert ordina loro di interrompere tale relazione, ma nessuno dei due è d'accordo. Il giorno dopo l'annuncio, Anna gli parla, sapendo che per loro non deve essere stato facile. Daisy vede i due conversare, e a quel punto Tom informa gli altri domestici che lui e Lady Sybil si sposeranno. Tutti sono sbalorditi e soprattutto il signor Carson. Li informa che rimarrà al Grantham Arms fino alle nozze di Matthew e Lavinia, quindi lascia la Sala domestici, augurando una buona giornata. Più tardi, Robert e Violet tentano di dissuadere Sybil dai suoi piani, ma la lady spiega che non le importa cosa penserà di lei il mondo aristocratico e non le importa dei cambiamenti che la sua vita incontrerà, perché lei stessa li desidera. Robert si reca al Granthan Arms per cercare di corrompere Tom e di farlo partire senza Sybil, ma ottiene un rifiuto.

Branson prende parte al funerale di Lavinia per porgere i suoi rispetti e per vedere Sybil. Dopo aver realizzato che non c'è niente che possa fare per fermarli, Robert accetta di separarsi da amici con Tom: dà loro la sua benedizione e del denaro. Dopodiché, Tom e Sybil si allontanano mano nella mano. Come molte generazioni aristocratiche prima di loro, Robert e Violet progettano di minimizzare lo scandalo "La lady e lo chauffeur" dando a Tom una storia inventata.

Nel finale di stagione, Tom e Sybil vengono menzionati: si sono sposati tra l'aprile e il dicembre 1919 e ora vivono in Irlanda. Solo le sorelle di Sybil, Mary ed Edith, hanno partecipato alle nozze, poiché Cora non si era ancora ripresa dall'Influenza spagnola, Robert e Violet si erano finti malati. Grazie ad una lettera, Cora scopre gioiosamente che la sua figlia minore è in attesa di un piccolo Branson.

Tom non è ancora pienamente accettato dalla famiglia, ma ben presto tutti si affezioneranno a lui.

1920-1921[]

Sybil e Tom rientrano a Downton per il matrimonio di Matthew e Mary, grazie ai soldi forniti da Violet, che in seguito ha detto a Tom una sera che "ora è un membro della famiglia" e che "noi Crawley restiamo uniti". All'arrivo, Tom è andato al piano di sotto per salutare i suoi ex colleghi e far loro sapere che non era cambiato dopo il suo matrimonio con Sybil. È stato trattato calorosamente da Cora, Isobel, Mary, Edith, Anna e Mrs. Hughes, ma Robert e Carson sono tutt'altro che contenti. Sia Carson che Thomas Barrow si sono rifiutati di fare da cameriere per lui, quindi la signora Hughes dice che Alfred dovrà farlo, poiché dovrà semplicemente controllare se Tom ha bisogno di qualcosa.

Tom si è anche scontrato con i suoi suoceri riguardo al corretto abbigliamento da cena. Sybil suggerì che poteva comprare un abbigliamento adeguato con i soldi che gli erano stati dati, ma per principio rifiutò. Durante la visita ha conosciuto la nonna materna di Sybil, Martha Levinson . Mentre si metteva al passo con la famiglia, Martha ha rivelato di approvare Tom, il suo lavoro e le sue simpatie repubblicane. Durante la sua visita, Tom ha cercato di mantenere un equilibrio tra le sue opinioni e la felicità di sua moglie. Ha anche formato un'amicizia con Matthew Crawley , che ha cercato di aiutarlo a inserirsi nella famiglia Crawley . Alla fine iniziò a indossare abiti da sera, ammettendo nel 1921 di aver smesso di voler parlare del suo abbigliamento durante ogni cena.

A una cena pre-matrimonio, il drink di Tom è stato drogato da uno degli ospiti, Larry Gray - un ex corteggiatore di Sybil - in modo che apparisse maleducato e ubriaco alla festa. Ciò ha indotto Tom a esprimere ad alta voce la sua ala sinistra, le opinioni repubblicane, con grande disagio di tutti e divertimento di Larry. Fortunatamente, Anthony Strallan , amico di famiglia di Crawley e allora interesse amoroso di Lady Edith, ha informato tutti di aver visto Gray mettere qualcosa nel drink di Tom appena prima di entrare nella sala da pranzo. Interrogato, Larry non provò alcun rimorso per ciò che aveva fatto e disse che Tom era "solo un piccolo autista sporco", il che rese Robert, Matthew e il padre di Grey, Lord Merton, alzarsi con rabbia dalle loro sedie. Il padre di Larry si è scusato per le azioni di suo figlio e ha sperato che Tom stesse di nuovo bene in tempo per il matrimonio di Matthew e Mary. Anche Matthew Crawley era d'accordo con il padre di Grey e, per mostrare la sua solidarietà con Tom, annunciò che voleva che Tom fosse il suo testimone al suo matrimonio, per la gioia di Sybil, Mary e Isobel, anche se fu un po 'uno shock. per Robert e Carson. Tom è stato perdonato e Sybil lo ha aiutato a tornare nella loro stanza in modo che potesse riposare. Tuttavia si è comunque scusato per il suo comportamento.

Prima del matrimonio, Tom ha perso la sua battaglia per il suo abbigliamento, essendo stato costretto a indossare uno dei vecchi completi da mattina di Matthew da Violet e Isobel, dal momento che ora era il testimone. Più tardi, Tom ha aiutato Matthew a riconciliarsi con Mary dopo aver avuto una discussione tesa. Suo suocero ringraziò Tom per averli aiutati e, il giorno seguente, rimase al fianco di Matthew nella chiesa come testimone.

Poco tempo dopo, Tom e Sybil tornarono a Downton per partecipare al matrimonio di Lady Edith e Strallan, e si accorsero che la famiglia Crawley aveva problemi di soldi dopo che Robert aveva perso molto in un cattivo investimento. Vengono anche a sapere che la famiglia dovrebbe vendere Downton Abbey e vivere in una casa che in precedenza apparteneva alla bisnonna di Robert, che sarebbe stata ribattezzata Downton Place.. Su suggerimento di Cora, la famiglia visitò la casa e fece un picnic il giorno prima del matrimonio di Edith. Qui, Tom ha appreso che la famiglia aveva intenzione di informare il personale (i suoi ex colleghi) dopo il matrimonio. Mentre osservava la casa, Tom ha detto che sembrava un palazzo delle fate alla maggior parte delle persone, mentre Sybil ha notato che la sua famiglia sarebbe stata in grado di gestire la casa con uno staff più piccolo. Tuttavia, in seguito, Matthew Crawley accettò una grande fortuna, il che significava che la famiglia Crawley poteva rimanere invece di lasciare Downton Abbey.

Una sera, durante la cena, Sir Anthony disse a Tom che aveva appreso da Edith che era interessato alla politica, al che Robert osservò educatamente che "Tom è il nostro addomesticato rivoluzionario", e Sir Anthony rispose che "Ogni famiglia dovrebbe averne uno". Dopo Tom e Matteo lasciò la stanza per giocare una partita a biliardo, Robert ha detto di lui che la famiglia si sta abituando a Tom, e sperava Sir Anthony troppo avrebbe fatto. Il giorno del matrimonio di Edith e Anthony, Tom era presente in chiesa, seduto accanto a sua moglie, Violet e Isobel, e ha visto Anthony lasciare Edith all'altare. Lui e Sybil erano entrambi scioccati e sconvolti per Edith. In seguito a ciò, lui e Sybil tornarono a Dublino.

Non molto tempo dopo, Tom tornò a Downton da solo dopo essersi messo nei guai con la polizia irlandese per essere stato presente all'incendio della casa di una famiglia aristocratica e per aver partecipato a riunioni repubblicane che sostenevano un certo livello di violenza. Il suo arrivo ha sorpreso i suoceri, ma la sua spiegazione li ha lasciati scioccati, con Robert che si è infuriato per il comportamento di Tom e per il fatto che ha lasciato Sybil per seguirlo, dato che era incinta e l'Irlanda le era estranea, oltre che pericolosa. Tom ha dimostrato di essere sinceramente arrabbiato con se stesso e il suo comportamento. Carson, dopo aver appreso la notizia, disse alla signora Hughes che sapeva che sarebbe successo, che Tom avrebbe portato vergogna e disonore alla casa. La signora Hughes tuttavia lo difese, suggerendo di aspettare fino al mattino. Più tardi, Carson pensò che Tom avrebbe potuto tentare di bruciare Downton,

Sybil arrivò sana e salva a Downton il giorno dopo. Tom era così contento e sollevato di vederla, e si scambiarono un bacio e un abbraccio dopo essersi riuniti. A Robert è stato quindi chiesto di intervenire per conto di Tom. Lo ha fatto, tuttavia, solo per amore di Sybil, ed è stato in grado di garantire che Tom rimanesse libero finché è rimasto a Downton e non è tornato in Irlanda, altrimenti sarebbe stato arrestato. Tom era fulminato e furioso per l'ultimatum, sostenendo che doveva essere lì per vedere la rivoluzione. Sybil non sapeva che era andato a diversi incontri di rivoluzionari, e ha insistito perché rimanesse quando ha detto che non poteva e che il loro bambino sarebbe nato a Downton anche se voleva che nascesse a Dublino, perché sentiva che Downton poteva dare loro la pace e la sicurezza di cui avevano bisogno. Anche se Tom insisteva di essere grato di essere stato tenuto fuori di prigione,

Tom era al fianco di Sybil quando è entrata in travaglio, ha discusso con lei, che stava pensando al loro futuro e che suo fratello, che vive a Liverpool, potrebbe avere un'apertura al suo posto di lavoro, il che significa che lavorerà con le auto di nuovo, ma Sybil insisteva che dovevano andare avanti, e lui doveva prometterglielo. Tom si sentiva così impotente e vedendola soffrire, ma Sybil era contenta che fosse con lei. Più tardi, il dottor Clarkson si preoccupò quando Sybil iniziò a mostrare segni di eclampsia, che mise in pericolo la sua vita, ma sia Robert che Sir Philip (che erano stati assunti da Robert perché Sir Philip era un ostetrico di alto profilo della società e un pari) ignorarono il consiglio di Clarkson, con Sir Philip che credeva che portare Sybil in un ospedale pubblico sarebbe stato un rischio troppo grande per lei e il bambino. Questo preoccupava profondamente Tom,

Mentre Sybil ha dato alla luce, Tom ha aspettato con Robert, Matthew e Violet in biblioteca, fino a quando Mary è entrata per annunciare che Sybil aveva dato alla luce una bambina, e che sia la madre che la figlia stavano bene. Tom andò subito a trovare sua moglie e sua figlia, dicendo a Sybil quanto fosse bella la loro bambina e che l'amava così tanto. Poi se ne andò per permettere a Sybil di dormire.

Tuttavia, più tardi quella notte, Sybil si ammalò gravemente. Tom era presente al suo capezzale mentre Cora e Robert venivano convocati, e supplicavano di sapere cosa c'era che non andava in Sybil e chiedevano aiuto. Quando i sintomi di Sybil sono peggiorati e ha iniziato ad avere convulsioni, Tom è diventato più timoroso e devastato, poiché il dottor Clarkson ha informato lui e la famiglia che si trattava di eclampsia e che, purtroppo, non si poteva fare nulla per salvare la vita di Sybil una volta iniziati gli attacchi. Tom implorò i medici di aiutare Sybil mentre soffocava, poiché anche Matthew si chiedeva come in quel giorno ed età non fosse possibile alcun aiuto medico. Senza altro da fare, Tom tenne la mano di Sybil, assicurandole che lui era lì, chiedendole di respirare e di non lasciarlo mentre lei continuava ad afferrarlo. Purtroppo, Sybil è soffocata ed è morta, con Tom, sua madre e suo padre, le sue sorelle Mary ed Edith , e suo cognato al suo capezzale, lasciandoli sconvolti e affranti, soprattutto quando hanno sentito il pianto della figlia appena nata di Tom e Sybil. Gli ex colleghi di Tom erano tutti sconvolti quando hanno saputo che Sybil era morta. Quando Carson ha chiesto cosa avrebbero fatto di Tom ora, la signora Hughes ha detto che gli avrebbero mostrato che erano persone gentili.

Dopo la morte di Sybil, la suocera di Tom si sedette e parlò al corpo della figlia minore, promettendole che la famiglia si sarebbe presa cura di Tom e della loro figlia. La mattina seguente, Tom era con Mary nella stanza di Sybil, dove era steso il suo corpo, quando Edith li informò che i direttori di pompe funebri erano arrivati ​​per portare via il corpo di Sybil, a cui Mary sottolineò a Tom che dovevano lasciare che la portassero, anche se sarebbe stato molto difficile per loro lasciare andare Sybil. Tom è entrato in un angolo mentre Mary ed Edith salutavano la loro sorella più giovane, e poi lasciavano la stanza per lasciare che Tom salutasse in privato.

Poco dopo, Violet è venuta a visitare la famiglia, trovando Robert, Cora, Mary, Edith, Matthew e Isobel nel salotto, chiedendo dove fosse Tom. Edith ha risposto che era al piano di sopra e l'aveva rifiutata quando gli aveva chiesto se avesse voluto qualcosa. Ciò ha indotto Cora a commentare "Vuole indietro sua moglie, ma è quello che non può avere". Cora ha quindi iniziato a lasciare la stanza mentre informava la famiglia che avrebbe scritto una lettera al dottor Clarkson per scusarsi del comportamento di Robert nei suoi confronti e non fidarsi del suo consiglio, che avrebbe potuto salvare la vita di Sybil, rivelando così che incolpava Robert per Morte.

Tom ha scelto di chiamare sua figlia Sybil , ammettendo anche se sarebbe stato doloroso che sentiva "è giusto" perché voleva ricordare sua madre ogni volta che la guardava. Annunciò alla famiglia che desiderava battezzarla cattolica come lui, affermando che era irlandese. Robert si oppose all'idea, desiderando che il bambino fosse invece battezzato anglicano. Ha invitato il reverendo Travisa cena, e il reverendo iniziò a insultare la fede cattolica, che non fece vacillare Tom. Il resto della famiglia venne in suo aiuto e la questione fu risolta quando Mary annunciò che prima che Sybil morisse, le aveva detto che non aveva obiezioni al fatto che il bambino fosse cattolico. Robert protestò ancora, smise di combatterlo dopo che Cora lo mise a tacere, e quando Mary in seguito gli disse che non avrebbe vinto e che Sybil voleva che Tom fosse felice, che "lo amava, molto lo sai. Dobbiamo tutti ricordarcelo. "

Tom ha preso accordi per il battesimo di sua figlia nella chiesa cattolica di Ripon . Inizialmente avrebbe invitato tra i suoi suoceri solo Mary e Matthew, ma Mary gli ha chiesto di dare loro una "possibilità di comportarsi correttamente". Chiese a Mary di essere la madrina di Sybil e progettò di fare suo fratello, Kieran Branson , padrino. Kieran è venuto da Liverpool ed è stato invitato a rimanere a Downton, ma ha cercato di cenare con la servitù. Tom gli disse che non gli avrebbe permesso di snobbare l'invito di sua suocera, così Kieran lo raggiunse al piano di sopra. Carson ha elogiato il rispetto di Tom per l'invito di Lady Grantham.

Matthew iniziò a includere Tom nei suoi piani per Downton, in cui Tom lo sorprese con una certa conoscenza degli affari e della terra. Rivela che suo nonno era un fittavolo a Galway, specializzato in pecore Blackface. Quando l'agente finanziario di Downton Jarvisrassegnato, Violet ha suggerito a Tom di sostituirlo. Tom stava per andare a vivere con Kieran su invito di quest'ultimo nel suo garage a Liverpool, ma Violet ha chiesto a Robert se voleva che sua nipote crescesse con Kieran, un bevitore. Tom ha sostituito Jarvis e si è trasferito con sua figlia e la sua tata a casa dell'agente. Più tardi lui e Matthew iniziarono un piano per acquistare terreni agricoli per costruire un reddito per Downton. Il suocero era molto arrabbiato per i piani di Matthew e Tom di modernizzare la gestione della tenuta di Downton per renderla un'impresa finanziariamente sana. In un acceso scambio con i suoi generi, spalleggiati da Cora e Mary, ha minacciato di ritirarsi dall'intera operazione e di "passare in secondo piano" d'ora in poi. Successivamente Tom è stato in grado di convincere Lord Grantham che c'è ancora un ruolo importante da svolgere per lui e che saranno in grado di cambiare le cose insieme, se ciascuno di loro, cioè Lord Grantham, Tom e Matthew, farà del suo meglio fare per la famiglia e la tenuta. Lord Grantham è rimasto molto colpito dall'eloquenza di Tom e ha chiesto in cambio di considerare l'appello di Tom che Tom giocasse a cricket per la squadra di casa nella prossima partita contro il villaggio. Tom era d'accordo.

Quando apprese il cricket per la prima volta da Matthew su richiesta del suocero, gli disse che qualunque cosa avesse imparato, che si trattasse di andare a cavallo, pescare o sparare, non sarebbe mai diventato un gentiluomo, che "Io sarò ancora un Irish Mick nel mio cuore". Matthew ha risposto dicendo: "Quindi dovrei sperare".

Alla partita di cricket, vedendo come sua figlia era circondata dalla famiglia di Sybil, Tom chiese a Cora se poteva invece vivere a Downton fino a quando non fosse più grande, cosa a cui Cora fu prontamente d'accordo. La serie si è conclusa con Tom che ha catturato il dottor Clarkson e ha abbracciato sia Robert che Matthew.

Tom rimase con sua figlia nel 1921 quando la famiglia andò al castello di Duneagle in Scozia . A una cena con la signora Crawley, lei lo elogiò molto per aver "gestito superbamente una delicata transizione" e lo incoraggiò a essere più sicuro di sé nella sua nuova posizione di agente immobiliare della tenuta di Downton. Nuova cameriera Edna Braithwaitesi interessò a lui e lo inseguì. Lo ha fatto sentire intenzionalmente a disagio per la sua nuova posizione facendo ripetutamente riferimento al suo essere passato dall'essere un autista a diventare un membro della famiglia aristocratica. Sebbene non fosse pronto per una nuova relazione, come notò la signora Hughes, non la scoraggiò. La signora Hughes disse a Tom che non doveva vergognarsi di essere assurto al suo nuovo ruolo in famiglia e che "Lady Sybil sarebbe stata orgogliosa di lui". A questo Tom crollò di dolore e la signora Hughes cercò di consolarlo. Edna viene presto licenziata e a Tom manca ancora profondamente sua moglie. A un certo punto stava anche portando Iside a fare una passeggiata. Quando la famiglia tornò a Downton, Tom disse a Edith che durante la loro assenza era stato "su una sorta di curva di apprendimento".Mary ha dato alla luce il primo figlio suo e di Matthew , un maschietto , stavano tutti aspettando l'arrivo di Matthew a Downton, per portare tutta la famiglia a incontrare il figlio suo e di Mary in ospedale, ma all'insaputa di tutti Matthew è stato ucciso in un'auto incidente.

1922-1923[]

Dalla morte di Matthew, i piani che lui e Tom avevano per migliorare la tenuta erano stati abbandonati. Comprendendo il suo dolore come vedova, cerca di aiutare Mary a venire a patti con la sua perdita. Lui e Cora pensano che sarebbe una buona cosa se lei venisse coinvolta nella gestione della tenuta come tutrice di George, e aiutasse a impedire che i piani di Matthew venissero completamente dimenticati.

Sfortunatamente, Mary non vuole sentire quello che ha da dire, quindi si rivolge al signor Carson per aiutarla a farle ragionare, ma anche questo fallisce. Mentre cammina per la tenuta con Robert, cerca di convincerlo a smettere di cercare di proteggere Mary dal mondo esterno e ad aiutarla ad affrontare il suo dolore e ad andare avanti in modo che possa avere un ruolo nella gestione di Downton, il che provoca un disaccordo . Robert gli ricorda che ha appena perso l'amore della sua vita e Tom gli ricorda che sa come ci si sente.

Tom ha anche dimostrato di avere un forte legame con sua figlia. Durante una visita per passare del tempo con lei, la chiama la sua "tesoro" e va a fare una passeggiata con lei. È dispiaciuto di sentire che Edna Braithwaite tornerà a Downton come domestica di una signora. Sentendosi in colpa, decide di dirlo alla famiglia, ma Carson insiste che non possono dire nulla sul motivo per cui ha dovuto andarsene in primo luogo. Quindi loro e la signora Hughes decidono che devono tenerla d'occhio, ma la signora Hughes teme che il ritorno di Edna sia simile a una bomba ad orologeria. Su una nota più felice per Tom, è anche contento quando vede che Mary aveva deciso di ascoltarlo e aveva deciso di partecipare al pranzo per discutere le prospettive future per Downton, offrendole il suo posto di fronte a suo padre al tavolo.

Quando viene trovata una lettera di Matthew, che dichiara i suoi ultimi desideri, Tom è felice di scoprire che Matthew aveva voluto che Mary fosse la sua unica erede in caso di sua morte. A differenza di suo padre, la sostiene pienamente nella sua decisione di assumere il suo nuovo ruolo trovato nell'aiutare a gestire la tenuta. Sfortunatamente, poiché Robert è determinato a fare in modo che la lettera non sia vista come un testamento, il che significa che Mary non erediterà la parte di Matthew, Violet chiede a Tom di aiutare Mary come suo "istruttore" e spiega come funziona la terra, come i raccolti sul azienda agricola.

Un pomeriggio porta fuori Mary e le dice quale terra appartiene a Downton e cosa ne potrebbe essere. Spiega che ci sono tasse di morte che devono essere pagate molto, con le tasse e che suo padre ha intenzione di vendere parte della terra per pagarla in un'unica grande rata. Sembra che sia Mary che Tom concordino sul fatto che questa non è una buona idea e pensano che ci siano altre misure che potrebbero prendere prima di prendere quel tipo di decisione drastica. Quando Robert accetta finalmente la lettera di Matthew è un testamento e Mary erediterà metà della proprietà e avrà voce in capitolo nella gestione di essa, Mary gli dice del suo disaccordo nel vendere parte della terra, con costernazione di Robert, che dice a Tom che lui " meglio non averla sottoposta a questo" a cui Tom sostiene di non averlo fatto.

Durante una festa in casa, Tom ancora una volta si sente a disagio mescolarsi con i nobili e ballare con una duchessa . Poi Edna va nella sua stanza quella notte dopo avergli dato del whisky. In seguito, è tormentato dal senso di colpa e dall'orrore per quello che è successo, ma Edna insiste senza sosta che promette di sposarla poiché è incinta e di non metterla da parte, cercando di farlo sentire colpevole quando in realtà è lei la colpevole . La famiglia nota che c'è qualcosa che non va in Tom, ma lui non glielo dice. Quando Mary sente che qualcosa non va mentre sono a Londra, gli chiede di dirle di cosa si tratta. Le dice che lo disprezzerà se lo farà. Mary dice che una volta l'ha detto a qualcuno e lui no (riguardo a Matthew e Pamuk). Ma Tom ancora non parlerà, portando Mary a suggerirgli di trovare qualcuno con cui parlare, che lo farà sentire meglio. Una volta tornati a Downton, Tom confida alla signora Hughes, che porta Edna davanti a lui e riesce a rivelare che era tutta una trappola, che Edna ha preso provvedimenti per assicurarsi di non rimanere incinta e non l'avrebbe fatto fino a quando non avesse accettato di sposarla , e non sarebbe da lui. Sottolinea anche che Edna non è stata sedotta, dal momento che è stata lei a farlo ubriacare e ad arrampicarsi sul suo letto. Edna se ne va velocemente. Tom in seguito fa notare a Mary che era contento di aver seguito il suo consiglio, perché si sente meglio.

Tom continua a trascorrere del tempo con sua figlia, giocando felicemente con lei. Tuttavia la festa in casa lo fece sentire più che mai di non appartenere a Downton. Sente anche di non sapere più quali siano le sue convinzioni e di non poter tornare in Irlanda ora perché Downton lo ha cambiato troppo. Invece considera di andare con Sybbie in America, dove sono andati alcuni dei suoi parenti, sentendo che sarebbe un nuovo inizio per lui e anche per Sybbie, che potrebbe iniziare con uno stato pulito piuttosto che dover crescere essendo la figlia di un "autista arrogante".

Come in seguito racconta a Isobel, ha imparato ad amare la famiglia Crawley, ma sente ancora che non potrebbe mai adattarsi a Downton. Inoltre, è certo che non troverà mai un'altra nobildonna come Sybil che si innamorerebbe di lui, né che i suoi suoceri sarebbero esattamente a loro agio se portasse una lavoratrice irlandese a vivere a Downton. Ma promette a Mary di non andarsene fino a quando una nuova impresa di allevamento di suini che stanno perseguendo non sarà completata. In seguito balla con Isobel mentre suona la jazz band di Jack Ross . Lo incoraggia anche a prendere in considerazione la possibilità di restare, e forse di unirsi al consiglio politico locale.

In seguito partecipa a una manifestazione politica con John Ward che parla, su suggerimento di Isobel (aveva intenzione di unirsi a lui ma non è andata perché frequentava Violet, che si era ammalata). Lì incontra Sarah Bunting , un'insegnante locale che non vede di buon occhio gli aristocratici. Non è convinta del suo socialismo perché è il genero e l'agente locale di Lord Grantham, ma in seguito è incuriosita da lui di più quando scopre che una volta era l'autista a Downton. Si incontrano di nuovo più tardi quando lui la presenta a Cora , poi al bazar di Downton.

Nel 1923, mentre la famiglia Crawley si prepara alla presentazione di Lady Rose a corte, Tom Branson è ancora l'agente immobiliare di Downton. Lo si vede con Edith discutere del fatto che deve unirsi alla famiglia a Londra per un grande ballo che sarà ospitato dai suoceri. Sembra riluttante a farlo perché non è ancora abbastanza a suo agio nel socializzare con le classi superiori. Mentre la maggior parte della famiglia è già a Londra, Tom è l'unico responsabile di Downton, il che suscita le gelosie dell'underbutler Thomas. C'è un incontro casuale tra Tom e Sarah Bunting nel villaggio e Tom la invita a cena al Grantham Arms. Sembra metterlo a disagio con i suoi continui scherzi, ma allo stesso tempo sembra essere leggermente interessato a lei. Violet li vede parlare per strada e ferma la sua macchina per parlare con Tom e per sottolineare che ora appartiene alle classi alte e dovrebbe unirsi a loro per il ballo a Londra. Quando Tom è sotto pressione da Sarah per mostrarle la casa, questo è testimoniato da Thomas che lo interpreta volutamente come se Tom approfittasse dell'assenza di Crawley per iniziare una relazione con Sarah. Successivamente Tom si unisce alla famiglia a Londra e partecipa al ballo dopo aver preso parte a una festa di poker organizzata da Lord Grantham per distogliere l'attenzione di uno squalo che minaccia di coinvolgere la famiglia in uno scandalo. Robert gli chiede sospettosamente di quella notte in cui ha portato Bunting a casa. Quando Tom è sotto pressione da Sarah per mostrarle la casa, questo è testimoniato da Thomas che lo interpreta volutamente come se Tom approfittasse dell'assenza di Crawley per iniziare una relazione con Sarah. Successivamente Tom si unisce alla famiglia a Londra e partecipa al ballo dopo aver preso parte a una festa di poker organizzata da Lord Grantham per distogliere l'attenzione di uno squalo che minaccia di coinvolgere la famiglia in uno scandalo. Robert gli chiede sospettosamente di quella notte in cui ha portato Bunting a casa. Quando Tom è sotto pressione da Sarah per mostrarle la casa, questo è testimoniato da Thomas che lo interpreta volutamente come se Tom approfittasse dell'assenza di Crawley per iniziare una relazione con Sarah. Successivamente Tom si unisce alla famiglia a Londra e partecipa al ballo dopo aver preso parte a una festa di poker organizzata da Lord Grantham per distogliere l'attenzione di uno squalo che minaccia di coinvolgere la famiglia in uno scandalo. Robert gli chiede sospettosamente di quella notte in cui ha portato Bunting a casa. A Londra, Tom sembra più a suo agio rispetto a prima di mescolarsi con le classi alte, chiacchierando con loro e indossando la sua cravatta bianca e il frac. Durante il ballo Violet gli ricorda che questa è la sua gente ora e che i Crawley sono la sua famiglia. È d'accordo con lei sul fatto di essere un membro della famiglia Crawley, ma sfida Violet che le classi alte sono il suo popolo. Poi le chiede di ballare, cosa che lei accetta. Più tardi, parlando con Edith, le dice che gli piaceva partecipare al ballo. Tuttavia, pensa chiaramente a se stesso e a lei come ai ribelli della famiglia perché le dice che entrambi devono resistere a loro. Insiste mentre possono amare la famiglia, entrambi devono combattere il loro angolo per ciò in cui credono, cosa che Edith accetta con gratitudine.

1924[]

Tom continua ad adorare sua figlia, che si riferisce a Robert come "Asino" - un riferimento ad un gioco per bambini. Tom si riunisce con Bunting a una cerimonia di premiazione alla scuola . Rose, vedendo che Tom è amico di Bunting, decide di invitare Sarah alla cena dell'anniversario di Robert e Cora. Sfortunatamente, la serata non va così bene dopo che Sarah è scortese con un certo numero di persone, inclusa Kitty Colthurst , e litiga con Robert per il monumento ai caduti . Tom e Isobel la difendono, Tom osservando che la guerra non ha ottenuto nulla se non l'accensione della rivoluzione russa.

Più tardi, Tom si scusa con Robert per aver litigato con lui. Robert chiede immediatamente a Tom se vuole "tornare indietro" quando è "arrivato così lontano", che è ciò che sente che Bunting gli sta facendo fare, trasformandolo di nuovo in un "ribelle e odiatore". Tom ammette che le opinioni di Sarah gli ricordano come si sentiva, ma non odia nessuno in famiglia, incluso Robert. Più tardi quella notte, Tom porta in salvo Sybbie e George dopo che un incendio è scoppiato accidentalmente.

Più tardi, dopo che Sarah ha aiutato Daisy Mason con gli studi matematici, Tom accompagna Sarah in macchina. Le dice che è bello per lui sentirla parlare come se avesse un futuro. Insiste che ha un futuro, ma non a Downton con i suoceri. Allude a un po' di ammirazione per la sua defunta moglie, descrivendola come "unica" e "libera da pregiudizi" e "pensiero ristretto". Tom ridacchia, dicendo che era unica. Sarah lo incoraggia a sentire che può essere di nuovo lo stesso uomo che ha incoraggiato Sybil a correre per la libertà.

Certamente quando una sera a cena Robert fa un commento su Bunting, Tom ricomincia a parlare di politica. Dice che Sarah sentiva che il vecchio governo era corrotto e spera che il nuovo non lo sarà. Pur comprensivo verso i rifugiati, Tom paragona l'esecuzione dello zar e della sua famiglia alla decapitazione del re Carlo I nella guerra civile inglese, sorprendendo Robert e Carson.

Rose, Mary e Charles Blake in seguito discutono del comportamento di Tom dopo cena. Rose osserva che Tom ha poca vita oltre Downton, a cui Mary dice che non ne ha avuta dopo la morte di Sybil, ma che sente che Tom sta riscoprendo chi è ancora una volta. Blake chiede se questo è un male. Mary dice che non sarebbe male per Tom, ma per la famiglia.

La previsione di Mary che Robert avrebbe incolpato Bunting si rivela vera quando Robert dice a Cora che Bunting sta avvelenando la mente di Tom. Cora dice con calma che forse Tom viene incoraggiato a dire ciò che sente piuttosto che ascoltare cose con cui non è d'accordo. Robert, che chiama Bunting un'arpia, insiste con rabbia se Tom se ne va, non prenderà Sybbie. Cora insiste che rimangano calmi e parlino con Tom se decide di andarsene. Dopo che Bunting viene di nuovo a cena a Downton e fa infuriare ulteriormente Robert, Tom dice tristemente a Bunting che ha tracciato il confine tra lei e loro. Le dice che sua moglie e sua figlia fanno parte della famiglia e non vede le cose in bianco e nero come lei.

Più tardi, dopo che Bunting se ne va, Robert dice a Tom che non desidera che stia da solo, ma preferirebbe qualcuno che si senta amichevole nei confronti della famiglia, che non condivida necessariamente i loro valori. Si scusa anche se le sue cattive maniere hanno suscitato un maggiore interesse a lasciare Downton.

Tom alla fine scrive a suo cugino a Boston, chiedendo il suo consiglio. Suo cugino, che vende automobili e desidera trasferirsi in attrezzature agricole, scrive a Tom, chiedendo di unirsi a lui come socio in affari nel Massachusetts. Tom sceglie di aspettare fino a Natale per annunciare la sua decisione, poiché non desidera sconvolgere la vita di sua figlia per poi pentirsene. Mary cerca di impedirgli di andare, ma lui resiste. È dispiaciuta al pensiero che se ne vada, e in seguito Edith gli dice che anche lui le mancherà.

Tom accompagna i suoceri al castello di Brancaster nel Northumberland , dove viene trattato in modo scortese da Stowell , il maggiordomo di Lord e Lady Sinderby , a causa del suo passato . Mary decide di chiedere a Barrow e Baxter di trovare un modo per umiliare Stowell per la sua maleducazione. Tom in seguito parla con Edith, rivelando che sa che Marigold è sua figlia, poiché aveva avuto una cugina in una situazione simile. Lui accetta di mantenere il suo segreto per lei.

Tom decide che dopo aver trascorso un altro Natale a Downton, lui e Sybbie andranno a Boston nel gennaio 1925. Più tardi, tornati a Downton, lui, Edith e Mary condividono alcuni ricordi del passato, compresi quelli di Sybil.

1925[]

A partire dalla primavera del 1925, Tom e Sybbie si sono stabiliti nella loro nuova vita a Boston e Tom e la famiglia si scambiano spesso lettere. Nel mese successivo, Tom invia una lettera a Lady Mary contenente quanto segue:

"Ho sognato la scorsa notte che ero nel parco di Downton a camminare con Sybbie sotto i grandi alberi, ascoltando i piccioni tubare tra i rami, e quando mi sono svegliato i miei occhi erano pieni di lacrime."

Poco dopo che questa lettera è stata inviata a Lady Mary, Tom e Sybbie hanno deciso di tornare a Downton.

1927[]

Pagina in costruzione.

1928[]

Pagina in costruzione.

Navigazione[]

Questa pagina è collegata con il rispettivo articolo sulla wiki inglese.

Advertisement